CROMOSOFIA

ILARIA CAFIERO

Noi reagiamo anche inconsapevolmente ai colori; la vista è principalmente stimolazione inconscia della vibrazione dei colori.La cromoterapia è una medicina alternativa che usa i colori per aiutare il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio. I colori possono essere assorbiti in diversi modi: attraverso gli alimenti, attraverso la luce solare, attraverso le onde elettromagnetiche della luce, attraverso il bagno, attraverso la meditazione, attraverso la visualizzazione. In particolare, la cromoterapia con onde elettromagnetiche è l'utilizzazione della luce colorata che, all'interno di una precisa lunghezza d'onda, penetra nei tessuti creando le condizioni per interagire con le cellule ripristinando l'equilibrio elettrico e chimico dell'omeostasi cellulare migliorandone le funzioni biologiche.

 

images 1 1     images 5

STORICAMENTE

La cromoterapia ha origini antichissime, poiché le medicine tradizionali hanno sempre attribuito grande importanza all'influenza dei colori sulla salute e sullo stato d'animo dell'uomo. Gli Egiziani credevano, ad esempio, che il blu, il giallo e il rosso fossero energie capaci di influenzare rispettivamente la mente, il fisico e lo spirito dell'uomo; in India, la medicina ayurvedica ha sempre tenuto conto di come i colori influenzano l'equilibrio dei chakra, i centri di energia sottile che vengono associati alle principali ghiandole del corpo; i Cinesi utilizzavano alcune tinte per ristabilire l'equilibrio fisico compromesso: il giallo per curare l'intestino, il violetto contro gli attacchi epilettici. E' del 1877 il primo trattato occidentale sull'impiego dei colori a scopi terapeutici, da parte di S. Pancourt. L'anno successivo è la volta di E. D. Bollit con una breve monografia che descrive il diverso effetto dei colori in terapia. Negli ultimi anni la cromoterapia ha avuto un notevole sviluppo grazie a numerosi studi scientifici che evidenziano l'influenza dei colori sul sistema nervoso, su quello immunitario e sul metabolismo.